Ristrutturare un bar è una decisione da prendere con la consapevolezza di dover rendere più confortevoli i luoghi dove i clienti si rilassano.

Il punto di partenza per ristrutturare un bar è capire che i locali in questione sono luoghi di relax. Sono scelti dai clienti prevalentemente per dei momenti di pausa o di ristoro. Ecco perché accoglierli in un ambiente confortevole ed esteticamente piacevole è un aspetto di massima importanza. L’occhio vuole la sua parte e catturare l’attenzione, spesso, fa sì che col tempo si crei un rapporto quasi fiduciario.

Valutare il proprio budget per ristrutturare un bar

 

L’outfit finale dipende principalmente da due fattori: il budget che si intende spendere e la creatività. Se sul secondo punto si potrebbe aprire un mondo tutto nuovo, la disponibilità economica indirizzerà invece ogni intervento. Il passo successivo sarà quindi verificare se esiste la copertura finanziaria per affrontare una ristrutturazione completa. Viceversa bisognerà limitarsi a cambiarne l’aspetto attraverso piccoli accorgimenti. Interesseranno principalmente l’arredo che muteranno tout court lo stile del locale con spese contenute.

 

Cambiare stile con una spesa contenuta

 

Ristrutturare un bar low cost significa principalmente studiare una nuova illuminazione. Buone idee potrebbero essere luci basse e calde in prossimità dei tavolini per ambienti intimi. Questo in modo da creare un’atmosfera accogliente e riservata. Viceversa, se si scegliesse un’atmosfera alla moda, si potrebbe azzardare con giochi di luci colorate e posizionare dei led vicino il bancone. I nuovi elementi d’arredo a basso costo potrebbero diventare quindi lavagne, lampade particolari e appendiabiti.

 

Con un budget importante si può fare molto…

 

Disponendo invece di risorse di un certo tipo, si può pensare ad una ristrutturazione completa degli ambienti. L’importante è mantenere sempre una coerenza con lo stile scelto e con l’immagine del proprio locale. Vale a dire con il servizio che si vuole dare: la scelta degli arredi deve infatti essere in linea con il tipo di locale che si decide di aprire. Tale decisione va studiata a tavolino ed è influenzata da tanti fattori come la via in cui sorge, la clientela ricercata…

 

Luci e arredamento, non sbagliate!

 

Anche in questo caso le luci sono di fondamentale importanza. In lounge bar o in bar che si frequentato la sera bastano soft, mentre nei classici bar è meglio optare per un’illuminazione a giorno. Anche il colore delle pareti è in sé un elemento di arredo. I colori più chiari vanno bene per i locali mattutini. Colori più accesi e carte da parati dalle trame particolari e bizzarre sono particolarmente indicate per i lounge bar e i cocktail bar. Infine il bancone. Via libera ad uno semplice e funzionale se si tratti del primo caso, spazioso ed ampio qualora invece si tratti del secondo.

 

Recommended Posts